ERHA - il sistema di Protonterapia innovativo e sostenibile 

ERHA (Enhanced Radioterapy with HAdrons) è l’innovativo sistema di Protonterapia per il trattamento dei tumori messo a punto da Linearbeam. Per la sua realizzazione l’azienda sta collaborando con enti di ricerca nazionali quali l’INFN, l’ENEA, Politecnico di Bari, Università “A. Moro” di Bari, l’IRE-IFO di Roma.

Il sistema è composto da tre parti:

  • Acceleratore lineare di Protoni (p-LINAC) per uso clinico
  • Piattaforma robotizzata di posizionamento paziente
  • Software di controllo integrato e pianificazione trattamento (TPS)

 

 

 

Il sistema ERHA è il primo al mondo ad avere un p-Linac specificamente progettato per uso clinico, in grado di sostituire i ciclotroni o sincrotroni, estremamente costosi.

I protoni si producono a partire da atomi di idrogeno allo stato gassoso, formati da un protone avente carica positiva e un elettrone che ha carica negativa. Il gas viene introdotto in una camera, dove è presente un filamento che per effetto termoionico ionizza il gas. Il passaggio successivo fa sì che i protoni vengano separati e possano quindi iniziare il viaggio di accelerazione che li porta fino a un’energia di 230 MeV.

Nella sala trattamento una piattaforma robotizzata posiziona il paziente rispetto al fascio fisso di protoni, permettendo a quest’ultimo di entrare nel corpo dall’angolazione migliore per colpire il tumore. In questo modo la suite formata da due robot che operano in sincrono permette di superare sia i limiti di ingombro sia i costi elevati delle altre tecnologie dotate di fascio rotante. Il sistema realizzato da Linearbeam prevede che la radioterapia con protoni venga gestita da un software, capace di elaborare i piani di trattamento con una tecnica innovativa, detta full Monte Carlo. 

Un unico software di controllo centralizzato, di facile utilizzo per gli operatori, gestisce tutte le componenti di ERHA.

Qual è la differenza tra il p-Linac di ERHA e gli altri acceleratori? 

Per trattare tumori con protoni è necessario un acceleratore, un dispositivo che aumenta la velocità e quindi l'energia dei protoni. I sistemi esistenti utilizzano due differenti tipi di acceleratori, che rappresentano una tecnologia ormai matura: sono ciclotroni o sincrotroni.

I ciclotroni sono la tecnologia più antica che è ancora ampiamente utilizzata in tutto il mondo.

I sincrotroni sono un tipo di tecnologia più avanzato, ma hanno un significativo ingombro e sono costosi.

Il sistema ERHA invece utilizza un p-Linac, vale a dire una macchina accelerante lineare che può trovare facile collocazione in un bunker lungo circa 24 metri e largo appena 4. Inoltre il p-Linac dispone di una tecnologia di accelerazione più avanzata rispetto a un ciclotrone e combina molti dei vantaggi tecnici di un sincrotrone con una maggiore economicità di gestione.

 

Vantaggi del nostro sistema

Prezzo più contenuto rispetto ai sistemi esistenti.

Rispetto dell'ambiente: la nostra macchina ha radiazioni istantanee e indotte quasi trascurabili, evitando l'obbligo di grandi quantità di schermatura del calcestruzzo e, soprattutto, riducendo i problemi di disattivazione e smaltimento di rifiuti radioattivi a fine vita (20-30 anni)

Ingombro ridotto: la nostra macchina si estende per lo più in lunghezza e necessita di una superficie inferiore a 100 m2, quindi molto poco impattante rispetto alle strutture PT esistenti. E’ facile da allocare nella maggior parte dei siti ospedalieri, poiché grazie alle dimensioni ridotte  può adattarsi a un corridoio schermato, a un magazzino, a un parcheggio. Non richiede lavori di costruzione complessi, ma solo una modesta superficie pianeggiante.

Facilità di gestione: il numero ridotto di apparati e la presenza di un unico software di controllo garantiscono un approccio e una gestione semplice agli operatori.

 

Condividi o segnala questo articolo

In Evidenza